Posizionamento del Portiere: dove dovrebbero stare i portieri durante le fasi di gioco?

Posizionamento del Portiere: dove dovrebbero stare i portieri durante le fasi di gioco?

Uno degli aspetti più difficili e trascurati dell'essere un portiere è il posizionamento.

Un buon posizionamento è vitale per effettuare parate, effettuare un passaggio difensivo, intercettare un cross/corner e tuffarsi ai piedi degli avversari. Tutti i portieri esperti "sentono" istintivamente dove dovrebbero essere in qualsiasi scenario. Ma anche i migliori portieri del mondo possono sbagliare la posizione.

Allora, dove dovrebbero stare i portieri durante le fasi di gioco?

SAPERE DOV'È LA TUA PORTA

Come portiere il tuo compito principale è quello di evitare i goals. Quindi non devi perdere di vista dove si trova la tua porta!

Ricordare dov'è la tua porta non sembra una cosa molto difficile. Ma, durante alcune fasi concitate e frenetiche della partita è sorprendentemente facile perdere l'orientamento. È comune per i portieri spostarsi un metro (o più) in una direzione senza rendersene conto. Sfortunatamente questo crea un divario più che sufficiente per gli avversari su cui possono puntare.

Usa il dischetto dell’area di rigore per segnare il centro della tua porta e guardalo regolarmente. E se il punto è troppo sbiadito o fangoso, allora traccia una linea retta sul campo con i tuoi tacchetti. Quando è sicuro farlo, guardati alle spalle per verificare la tua posizione.

POSIZIONAMENTO LATERALE 

Il posizionamento laterale è facile da imparare usando una semplice regola empirica: visualizza una linea retta che porta dalla palla, in mezzo alle tue gambe, al centro della linea di porta.

Posizionatevi, con questa linea immaginaria in mente, ogni volta che siete in preparazione per un evento e non mentre siete già in azione (ad esempio facendo un salvataggio di riflesso o prendendo una palla alta).

POSIZIONAMENTO AVANTI E INDIETRO

Imparare precisamente quando andare avanti/indietro dalla tua posizione, quanto lontano andare e a quale velocità, non può essere spiegato con poche semplici regole empiriche. Ogni situazione è diversa e richiede un buon giudizio da parte del portiere. Questo lo si ottiene con l'esperienza.

Tuttavia, come punto di partenza, considera dove si trova la palla nelle tre zone del campo di calcio. Vediamole insieme.

1. TREQUARTI DI CAMPO AVVERSARIA
Se la tua squadra è all'attacco, puoi tranquillamente spingerti in avanti per diventare un'opzione esterna se la pressione rallenta, o per spazzare la palla in caso di pericolo.
La maggior parte dei portieri starà fuori dalla propria area di rigore in questa situazione, non oltre il punto medio tra l'area di rigore e il centro del campo.

2. CENTROCAMPO
Mentre il gioco si svolge in mezzo al campo, la minaccia di un tiro pericoloso in porta è bassa. Tuttavia, c'è un pericolo più serio, ossia un passaggio giocato nella tua area di rigore o appena fuori di essa.

Quindi devi essere preparato a questa situazione stando ovunque dal bordo dell'area di porta (almeno) al bordo dell'area di rigore. Un errore tra i giovani portieri è quello di essere troppo cauti, ancorati alla linea di porta.

3. PROPRIA TREQUARTI DI CAMPO
Se l’azione di attacco sta avvenendo nella tua trequarti di campo, devi costantemente aggiustare la tua posizione per ridurre lo specchio della porta a cui l'avversario deve mirare. Questo è ciò che chiamiamo "restringere l'angolo", che è l'obiettivo primario nell'allenamento posizionale dei portieri.

I portieri di solito stanno ovunque dalla linea di porta a metà dell'area di rigore, a seconda di quanto sia vicina e imminente la minaccia.

SITUAZIONI UNICHE

Ci sono diverse situazioni "uniche" in cui i portieri devono spingersi in avanti e indietro dalla loro posizione di partenza in risposta ai pericoli:
  • Palle alte: affrontare le palle alte, come i calci d'angolo e i cross, significa precipitarsi in avanti dalla propria linea. Questo può lasciare la tua squadra esposta se giudichi male la traiettoria della palla o parti da una posizione sbagliata;
  • Situazioni 1 contro 1: in un 1 contro 1 devi spingere in avanti rispetto alla tua linea per restringere l'angolo, in modo che l'attaccante avversario abbia meno spazio a cui mirare;
  • Passaggi all’indietro: i difensori giocheranno inevitabilmente palle imperfette verso il loro portiere. Perciò devi essere pronto a spingerti verso l'esterno per incontrare la palla (regolando i tuoi piedi di conseguenza) per eliminare il pericolo.

In queste situazioni il portiere deve rompere il protocollo standard. In altre parole: fai tutto il necessario per limitare il rischio.

RESTRINGERE L'ANGOLO

Sentirete spesso allenatori di calcio, opinionisti e anche tifosi parlare dei portieri e dei loro "angoli". Per esempio, se un tiro entra sul primo palo, potresti sentire parole del tipo "il portiere ha sbagliato l'angolo".

Preparare gli angoli in modo corretto è vitale per migliorare le tue possibilità di fare parate. Una volta che hai capito la logica dietro "chiudere l'angolo", è molto più facile metterla in pratica.

LIMITI DEL POSIZIONAMENTO

Tenete a mente che un buon posizionamento non eliminerà tutti i gol.

I riflessi, la tecnica di salvataggio e la capacità di fermare il tiro giocano un ruolo enorme nel produrre un salvataggio. E anche se padroneggiate tutte queste abilità, alcuni attaccanti troveranno comunque un modo per segnare.

Per esempio, essere posizionati correttamente riduce significativamente le possibilità di essere superati, ma non le elimina del tutto. Ci sono momenti in cui non hai altra scelta che correre fuori per chiudere l'angolo. Ma se l'attaccante riesce a tirare un pallonetto...

Come portiere, puoi solo fare del tuo meglio per prevenire i gol.

CONCLUSIONI

Il posizionamento del portiere è difficile da padroneggiare; non c'è sostituto per la pratica regolare e il tempo di gioco. Tuttavia, ci sono linee guida di base per i movimenti laterali e in avanti/indietro da tenere a mente.

Man mano che guadagnate più esperienza posizionale, vi troverete sempre più spesso nel "posto giusto al momento giusto". Di conseguenza, non avrete bisogno di realizzare costantemente parate spettacolari per evitare i gol: un corretto posizionamento vi risparmia il fastidio. E questo è, ironicamente, il motivo per cui molti grandi portieri non avranno mai il riconoscimento che meritano.
Ma ricorda che un gol evitato è molto più prezioso per la tua squadra di un tuffo in stile hollywoodiano che non era nemmeno necessario. Quindi dai al posizionamento l'attenzione che merita.

 


Lascia un commento

I commenti saranno sottoposti ad approvazione per evitare spam.